Escursione a Forte Campolongo e alla caverna del Sieson
L’escursione per raggiungere il Forte Campolongo e la caverna del Sieson comincia proprio dallo Spiazzo Garibaldi nel comune di Rotzo.
Forte Campolongo, RIfugio Campolongo, Rotzo, Escursione, Altopiano dei Sette Comuni, Altopiano di Asiago, Caverna Sieson, Voragine Sciason
805
post-template-default,single,single-post,postid-805,single-format-standard,bridge-core-2.4.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-9
forte campolongo escursione

Escursione a Forte Campolongo e alla caverna del Sieson da spiazzo Garibaldi

L’escursione per raggiungere il Forte Campolongo e la caverna del Sieson, anche detta voragine del Sciason, comincia dallo Spiazzo Garibaldi nel comune di Rotzo nell’Altopiano dei Sette Comuni.

Il Forte Campolongo venne costruito tra il 1908 e il 1912 e, insieme al Forte Corbin e al Forte Verena, faceva parte dello sbarramento Agno-Assa. Dopo due mesi dall’inizio della Grande Guerra, il Forte Campolongo subì però danneggiamenti tali da perdere quasi tutta la sua capacità di fuoco. Nel maggio del 1916 venne definitivamente distrutto e occupato dalle forze austroungariche.
Oggi il Forte Campolongo è stato ristrutturato e fa parte dell’Ecomuseo della Grande Guerra delle Prealpi vicentine. Si trova a quota 1720 m, sulla sommità del monte Campolongo, ed è possibile raggiungerlo con una bellissima escursione ad anello

Molti di voi conosceranno il classico itinerario che poco prima del Rifugio Campolongo conduce al Forte Campolongo lungo una larga strada sterrata. Oggi però voglio parlarvi di un giro ad anello che vi permetterà di fare un’escursione più completa sia dal punto di vista naturalistico che storico.

Pronti ad una nuova avventura nell’Altopiano dei Sette Comuni?

Itinerario dell’escursione al Forte Campolongo a Rotzo nell’Altopiano dei Sette Comuni

Una volta arrivati alla chiesa di Mezzaselva seguite le indicazioni per il Monte Verena e il Rifugio Campolongo finché arriverete allo Spiazzo Garibaldi. Parcheggiate qui l’automobile e prendete la strada sterrata che sale sulla sinistra. Si tratta del sentiero CAI 810 che vi condurrà dolcemente sulla cima, al Forte Campolongo.

Dovrete affrontare un dislivello di circa 270 m, ma senza ripide salite. Una volta arrivati al Forte Campolongo vi consiglio di godervi il panorama: è possibile ammirare la Val d’Astico e gli altopiani di Tonezza e dei Fiorentini, ma anche il Pasubio, la Piana di Vezzena e le Dolomiti di Brenta.
Per il ritorno seguite l’itinerario fatto per salire fino al tornante ( a circa 1678 m di quota) dove troverete le indicazioni per svoltare a sinistra nel bosco verso la caverna dello Sciason e il Rifugio Campolongo. Il sentiero qui si fa più stretto, tra radici e pietre scenderete più lentamente.

Dopo avere camminato in mezzo a grandi massi dall’aspetto misterioso, arriverete infine alla voragine del Sieson: una grotta ad imbuto profonda ben 96 m. Non si vede infatti il fondo, dove è presente tutto l’anno un laghetto ghiacciato. Tante sono le fiabe e le leggende legate all’Altopiano dei Sette Comuni (potete scoprirne qualcuna nel Parco delle leggende di Cesuna), ma questa caverna ricorda proprio la bocca di un grande mostro!

Continuate la vostra discesa fino ad uscire dal bosco nei pascoli di fronte al Rifugio Campolongo. Da qui potete ritornare allo Spiazzo Garibaldi, punto di partenza dell’escursione, seguendo la strada asfaltata in direzione di Mezzaselva e facendo attenzione alle automobili.
Si tratta di un’escursione di 7,6 km e impiegherete circa 2 ore per completarla (soste escluse).

Fotografie © Anna Roscini | Riproduzione vietata

2 Commenti
  • Martino R.
    Posted at 16:09h, 03 Gennaio Rispondi

    Ciao grazier per il consiglio. Hai per caso la traccia gpx del percorso ? Grazie ancora !

    • Anna Roscini
      Posted at 19:12h, 03 Gennaio Rispondi

      Ciao Martino, figurati! Certamente te la mando via e-mail!

Lascia un commento