Visitare la riserva naturale Bosco della Mesola nel Parco del Delta del Po
All'interno della riserva naturale Bosco della Mesola, nel Parco del Delta del Po, vive l’unica popolazione di cervo autoctono italiano, scampata alla radicale antropizzazione della Pianura padana e da secoli di caccia.
bosco della mesola, mesola, parco del delta del po, riserva naturale, cervi, escursione
375
post-template-default,single,single-post,postid-375,single-format-standard,bridge-core-2.4.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-9
visitare-bosco-della-mesola

Visitare la riserva naturale Bosco della Mesola nel Parco del Delta del Po

Chiudete gli occhi e immaginate le antiche foreste che un tempo ricoprivano le coste dell’Adriatico settentrionale. Un tempo in cui i boschi arrivavano fino al mare. Boschi di leccio, farnia, carpino bianco, frassino popolati da tantissimi animali selvatici, tra cui il cervo. Ora apriteli perché esiste ancora un luogo in Emilia Romagna, all’interno del Parco del Delta del Po, che conserva la magia dei tempi in cui il re del bosco era diffuso in quasi tutta la penisola italiana. La riserva naturale Bosco della Mesola è infatti uno degli ultimi residui di bosco di pianura e ricopre una superficie di 1.058 ettari.  Al suo interno vive l’unica popolazione di cervo autoctono italiano, scampata alla radicale antropizzazione della Pianura padana e da secoli di caccia. I cervi della Mesola, o cervi delle dune, sono una sottospecie distinta del cervo nobile e vantano un DNA mitocondriale unico. Sono circa 250 gli esemplari che qui vivono in modo protetto. Ma questa è solo una delle tante ragioni per visitare il Gran Bosco della Mesola.

I cervi della Mesola: fotografie di © Stefano Casellato

Sulle tracce del cervo delle Mesola: a piedi, in bicicletta o a bordo del pulmino

Il Gran Bosco della Mesola si trova a circa 8 km dal centro di Mesola. Si può visitare in autonomia, a piedi o in bicicletta, oppure scegliere di partecipare ad una delle visite guidate, a bordo di un pulmino (l’escursione dura circa un’ora e mezza) o in bicicletta (lungo un percorso di circa 12 km), così da accedere anche all’Elciola, l’area preclusa al pubblico dove con più facilità è facile osservare i cervi. Se pensate di partecipare all’escursione guidata, la prenotazione è obbligatoria e vi consiglio di prenotare anche con un po’ di anticipo. Noi purtroppo abbiamo organizzato questa gita fuoriporta all’ultimo momento ed era già tutto occupato.

Abbiamo quindi scelto di percorrere a piedi uno degli itinerari consigliati e di visitare la parte accessibile al pubblico. Nel parco sono presenti tre percorsi: il giallo (con tempo di percorrenza stimato di un’ora e quindici minuti a piedi), il verde (tempo di percorrenza di un’ora e quarantacinque) e il rosso, il percorso più lungo che prevede una bella camminata di due ore e mezza. Prima di imboccare l’inizio del sentiero, uguale per tutti e tre i percorsi, vi aspetta una bellissima sorpresa: se siete fortunati potrete ammirare delle piccole testuggini di Hermann. I cuccioli vengono messi all’interno di una voliera protettiva per tenerli al riparo dai predatori e, una volta cresciuti, vengono liberati nella Riserva. A causa della riduzione degli habitat adatti alla loro sopravvivenza e dell’aumento del commercio illegale, queste creature sono oggi a rischio di estinzione.

Informazioni utili per la visita al Gran Bosco della Mesola

È possibile visitare la riserva naturale del Gran Bosco della Mesola da marzo ad ottobre. Il bosco è aperto il martedì, il venerdì, il sabato e la domenica dalle 8.00 alle 18.00 (ora legale) e dalle 8.00 alle 16.00 (ora solare). Il biglietto di ingresso costa € 1,00 e l’ingresso è gratuito per i bambini sotto i sei anni residenti nel comune di Mesola. Nel bosco è presente un percorso per non vedenti di circa cinquecento metri, attrezzato con un corrimano e tabelle in alfabeto braille che aiutano a comprendere le varie specie vegetali e faunistiche presenti nell’oasi. All’ingresso del bosco, vicino al parcheggio a pagamento, è presente inoltre un noleggio bici. Le visite guidate in pulmino si effettuano il sabato, la domenica e nei giorni festivi con partenze alle ore 9.30, 11.00, 14.30 e 16.00 (per un massimo di otto persone per tour). Martedì e venerdì solo su prenotazione per gruppi di minimo sei partecipanti.

Fotografie del Bosco della Mesola © Anna Roscini | Riproduzione vietata

2 Commenti
  • Francesca Trevisan
    Posted at 06:41h, 20 Settembre Rispondi

    Anche dal lido delle Nazioni si può percorrere sentieri molto ampi che portano a Volano sia a piedi che in bici. È possibie vedere i cervi che attraversano il percorso e spesso si fermano a guardarci.
    Una bellissima esperienza da fare in qualsiasi stagione.

    • Anna Roscini
      Posted at 06:34h, 21 Settembre Rispondi

      Ciao Francesca, ti ringrazio. Io purtroppo non li ho visti né da fuori né da dentro, però hai fatto bene a riportarlo nel caso qualcuno fosse più fortunato. 🙂

Lascia un commento