Sass de Putia: escursione ad anello dal Passo delle Erbe
Il giro del Sass de Putia è una delle escursioni ad anello più belle da fare nelle Dolomiti, all'interno del parco naturale Puez Odle.
Sass de Putia, Sas de Putia, Giro del Sass de Putia, Roda de Putia, Parco naturale Puez Odle, escursione, val Badia, Val di funes, Val di Marebbe, Alta Badia
1217
post-template-default,single,single-post,postid-1217,single-format-standard,bridge-core-2.4.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-9
sass de putia escursione

Sass de Putia: escursione ad anello da Passo delle Erbe

Il giro del Sass de Putia è una delle escursioni ad anello più belle da fare nelle Dolomiti. Se siete in vacanza in Val Badia, in Val di Funes o in Val di Marebbe, vi consiglio di mettere questa escursione nella lista delle cose da fare. Il Sass de Putia, Peitlerkofel in tedesco, si trova all’interno del parco naturale Puez-Odle. L’escursione è lunga 13 km e dovrete affrontare un dislivello di quasi 600 m.
Per fare il giro del Sas de Putia ci impiegherete circa cinque ore (soste escluse). Tra ghiaioni, forcelle, boschi e verdi pascoli, questa escursione non vi farà sicuramente annoiare. Pronti per una nuova avventura in Trentino Alto Adige?

Il giro del Sass de Putia: l’itinerario

Per cominciare questa escursione, che viene chiamata anche Roda de Pütia, lasciate la vostra automobile nel parcheggio al Passo delle Erbe (1987 m). Iniziamo a camminare in salita lungo il sentiero 8A verso i prati di Putia e la Malga Munt de Fornella (2080 m) che raggiungeremo dopo circa venti minuti. Giunti nei pressi della malga troviamo tantissime mucche al pascolo a farci compagnia. A questo punto, scegliamo di svoltare a destra e di proseguire lungo il sentiero 8A, così da fare il giro in senso antiorario. In questo modo potremmo percorrere la salita alla Forcella di Putia (2357 m) al mattino e ancora pieni di energie.

Abbandoniamo i prati di Campaccio per attraversare il ghiaione ai piedi del Sass de Putia. Proseguiamo e, al bivio, prendiamo il sentiero 4 che risale fino alla Forcella di Putia. Questa è la parte più impegnativa dell’escursione, per cui vi consiglio di arrivare ai piedi di questo sentiero prima che inizino le ore più calde della giornata dato che dovrete affrontare circa 250 m di dislivello. Una volta arrivati in forcella scegliamo di riposarci qualche minuto e di fare una meritata merenda.

Rimessi gli zaini in spalla continuiamo il giro del Sass de Putia lungo il sentiero 4B che ci porta verso i verdi prati in direzione della Malga Ütia Vaciara. Questo tratto di percorso è davvero spettacolare: di fronte a noi il panorama è da togliere il fiato e numerose farfalle ci volano intorno per accoglierci lungo il sentiero. Una sosta presso la malga e ripartiamo in leggera salita lungo il sentiero 35 fino alla Forcella di Goma (2111 m).

Abbandoniamo quindi il sentiero 35 per prendere il sentiero 8B che svolta a sinistra. Giungiamo alla Malga Ütia de Göma (2050 m) e continuiamo a camminare fino a Malga Munt de Fornella. Abbiamo finalmente completato il nostro giro. Ultimi sforzi e ritorniamo al parcheggio lungo il sentiero 8A.

Il tempo in montagna a volte è imprevedibile, pertanto, come per ogni escursione, vi consiglio di informarvi delle condizioni meteorologiche. Nel caso fosse una bella giornata, non dimenticate di portare con voi un cappellino o una bandana per il sole.

Fotografie © Anna Roscini | Riproduzione vietata

Nessun commento

Lascia un commento