Facile escursione alle cascate del Pisciadù da Colfosco in Alta Badia
Le cascate del Pisciadù a Colfosco: in Alta Badia un’escursione ideale per gli appassionati di montagna di ogni età, oltre che per le famiglie con passeggini da trekking. Scopriamo insieme questo percorso di mobilità dolce!
escursionismo, trekking, alta badia, colfosco, cascate, passo gardena, passeggiata
304
post-template-default,single,single-post,postid-304,single-format-standard,bridge-core-2.4.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-9
Escursione alle cascate del Piascidù Colfosco Alta Badia

Facile escursione alle cascate del Pisciadù da Colfosco in Alta Badia

Le cose più semplici, si sa, a volte sono anche le più belle: è il caso del sentiero che da Colfosco ci porta a scoprire le meravigliose cascate del Pisciadù (BZ). Siamo in Alta Badia, lungo la strada che scende da Passo Gardena, e questa facile passeggiata ci condurrà sotto sua maestà, il Gruppo del Sella, a toccare con mano un vero e proprio spettacolo della natura. Un’escursione ideale per gli appassionati di montagna di ogni età e anche per i meno allenati, oltre che per le famiglie con passeggini da trekking. Scopriamo insieme questo percorso di mobilità dolce!

Le cascate del Pisciadù sotto il Gruppo del Sella: la montagna ad ogni età

Questa magnifica escursione comincia dall’Hotel Luianta di Colfosco: se siete in automobile consiglio di parcheggiare qui la vostra macchina (il parcheggio è a pagamento). Giriamo intorno all’Hotel e possiamo subito notare sulla sinistra la strada forestale che dobbiamo imboccare: il sentiero ci conduce in leggera discesa in mezzo a verdi prati alle pendici del gruppo montuoso del Sella.

Superati gli impianti di risalita, comincia un leggero dislivello allietato da una vista straordinaria: ci avviciniamo sempre più agli incredibili salti d’acqua che le cascate compiono nella loro corsa verso il basso lungo strette gole. Proseguiamo fino a un’ampia area attrezzata per picnic dove è presente un wc e una fontana con l’acqua che giunge proprio dal cuore delle montagne. Abbiamo visto persone riempire le borracce, ma non l’abbiamo provata personalmente.

Per chi vuole è possibile salire e vedere la prima cascata da vicino lungo un sentiero nel bosco: questo tratto non è percorribile con il passeggino e necessita di una piccola preparazione perché ci troveremo a dover affrontare sassi umidi e passerelle di legno improvvisate per attraversare le piccole pozze d’acqua create dalla cascata lungo la sua discesa. Se non si vuole salire a “toccare con mano” la forza della cascata, è possibile proseguire per la visita della seconda cascata, prendendo il sentiero a sinistra in direzione di Colfosco. Sarà possibile ammirarla camminando facilmente su un ampio ponte di legno.

Arrivati qui si prende il sentiero 651 in direzione di Luianta e dopo un breve tratto in discesa ci si ricongiunge al sentiero fatto all’andata e si torna al parcheggio di partenza. Per le famiglie con passeggino e per chi desidera camminare su un sentiero più ampio e battuto consiglio invece di tornare indietro all’area picnic e di prendere la strada dell’andata anche al ritorno.

L’escursione: tutto quello che c’è da sapere in breve

Partenza e arrivo: Hotel Luianta con parcheggio a pagamento in loco.
Tipologia di percorso: ad anello su strada forestale e sentieri nel bosco (se si vuole anche salire alla prima cascata percorso con attraversamento su assi di legno e sassi scivolosi). È possibile il ritorno sulla strada dell’andata.
Tempo di percorrenza indicativo con il giro ad anello: 52 minuti.   
Dislivello: 140 m (se si sale a vedere le cascate).
Note: sotto alla prima cascata è presente un’area picnic attrezzata con wc, non sono presenti rifugi lungo l’escursione. Alla partenza e all’arrivo è possibile consumare pasti e bevande al bar e ristorante dell’Hotel Luianta o al Mathiaskeller. 

Le cascate per me

A volte mi chiedo se le cascate vengano fuori dalle ferite delle montagne. Se fosse davvero così sarebbe uno spettacolo incredibilmente tragico, pur nella sua bellezza. Talvolta mi capita di sentirmi in colpa nei gioire di fronte alla loro vista. Poi penso che, anche se fosse, qualcuno dovrà pur raccogliere le loro lacrime e mi sento di fare un bel gesto ad accarezzare l’acqua fredda che sgorga potente dalle ripide pareti. Insomma, gli amici fanno così.

Fotografie © Anna Roscini | Riproduzione vietata

3 Commenti
  • Francesco
    Posted at 18:34h, 29 Agosto Rispondi

    Bellissimo

  • Leandro
    Posted at 21:10h, 08 Luglio Rispondi

    Grazie mille per le utili informazioni.

    • Anna Roscini
      Posted at 15:33h, 11 Luglio Rispondi

      Ciao Leandro figurati sono felice che l’articolo ti sia stato utile!

Lascia un commento