Spiaggia di Vai: a Creta il palmeto selvatico più grande d’Europa
Nella spiaggia di Vai a Creta potrete ammirare il palmeto selvatico più grande d’Europa composto da più di cinquemila palme e fare snorkeling in acque cristalline.
Creta, Grecia, natura, spiaggia, Vai, palmeto, palme, mare
232
post-template-default,single,single-post,postid-232,single-format-standard,bridge-core-2.4.3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-22.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-9
Spiaggia di Vai a Creta

Spiaggia di Vai: a Creta il palmeto selvatico più grande d’Europa

Paese che vai, foresta che trovi. Creta per me è l’isola della storia e dei miti, ma anche del vento, delle cicale, del mare blu e degli ulivi. E di chissà quante altre cose. Sì, perché nell’isola più grande della Grecia, la natura cerca di crescere forte e incontaminata. Lontano dalle località più turistiche, troviamo un’isola selvaggia con tante meraviglie da scoprire. Ed è proprio questa Creta che ci piace, quella più autentica e meno battuta. Così, per le nostre vacanze estive, abbiamo cercato di esplorare il lato più naturale dell’isola. A partire dalla spiaggia di Vai, che nasconde un piccolo tesoro: il palmeto selvatico più grande d’Europa composto da più di cinquemila palme.

Come raggiungere la spiaggia di Vai a Creta

La spiaggia di Vai si trova nella parte nord orientale dell’isola, a circa 24 km dalla città di Sitia e 82 km da Ierapetra. Noi abbiamo alloggiato non lontano da questa cittadina, precisamente ad Agia Fotia. Il viaggio fino a Vai Beach è stato molto piacevole, dato che abbiamo incontrato veramente poche automobili. Paesaggi desolati, pale eoliche a fare da guardiane in cima ai monti, villaggi caratteristici, piccoli market con prodotti tipici, chiesette nascoste tra gli ulivi. La strada è la vita, come scriveva Jack Kerouac.

Prima di arrivare alla spiaggia di Vai, ai lati della strada inizieranno ad accogliervi delle palme delle più svariate dimensioni. Si tratta delle palme da dattero di Creta (Phoenix theophrasti), così chiamate proprio perché si trovano principalmente a Creta e in poche altre località in Grecia e in Turchia. Questo è uno dei tratti più belli dell’intero viaggio anche se il più trafficato dato che sempre più persone apprezzano questa spiaggia dall’aspetto tropicale ed esotico. Alla fine della strada, è possibile lasciare l’automobile in un ampio parcheggio (dotato anche di bagni) al costo di 3 euro.

Il consiglio è quello di arrivare il prima possibile e di lasciare la spiaggia il più tardi possibile, per godersi il luogo in tranquillità. Sono disponibili lettini ed ombrelloni a pagamento, ma se si cammina un po’ sulla sinistra c’è un’ampia zona dove potersi sistemare, lontano dalla spiaggia attrezzata e dalla folla che solitamente si apposta vicino ai bar. Da qui è anche possibile raggiungere a nuoto due grandi scogli vicino alla riva. Il mare è bellissimo con fondale sabbioso e lo snorkelling ha dato i suoi frutti: abbiamo potuto ammirare pesci di svariate grandezze. A dire il vero, l’acqua è talmente trasparente che si potevano vedere anche senza immersione.

Non dimenticate però di fare la breve camminata, che parte di fianco al ristorante della spiaggia attrezzata, per raggiungere il punto panoramico e la suggestiva spiaggia libera di Psili Ammos.

Fotografie © Anna Roscini | Riproduzione vietata

Nessun commento

Lascia un commento